happiness

Vultures of Tibet + Happiness

Sinossi

 

Vultures of Tibet

di Russell O.Bush – STATI UNITI D’AMERICA, 2013, 21′, v.o.sott.it.

Con il rapido sviluppo della Cina occidentale, la sepoltura celeste, rituale sacro in cui i corpi dei deceduti tibetani vengono dati in pasto agli avvoltoi, è diventato un’attrazione turistica. I luoghi in cui viene praticato sono evidenziati sulle mappe e i funzionari locali rilasciano permessi per assistervi. Contro la volontà delle famiglie, i visitatori scattano foto e filmati. Girato nell’agosto 2011 il film racconta lo stato attuale della sepoltura celeste utilizzandolo come metafora dei conflitti più vasti con cui si confronta il Tibet moderno.

A SEGUIRE

Happiness

di Thomas Balmès – FRANCIA, 2013, 80′, v.o.sott.it.

Peyangki è un monaco di otto anni, solitario e sognatore, che vive con sua madre a Laya, un villaggio del Bhutan abbarbicato sulle alture himalayane. Un giorno, i confini del suo mondo si allargano: il villaggio viene allacciato alla rete elettrica, e Peyangki intraprende un viaggio di tre giorni con suo zio verso la capitale dove compera una televisione e scopre le luci della città. Le televisione porterà la felicità?

Proiezioni

17 Maggio


21:00

Appartiene a:

dal 13 Maggio al 18 Maggio
trento

Trento Film Festival 2014 a Milano

                    Presso la Sala Alda Merini – Spazio Oberdan della Provincia…

 


© 2011 Fondazione Cineteca Italiana p.iva 11916860155

Progetto e sviluppo smarketing°